Conto termico sostituzione stufa o caldaia: cosa sapere

Conto termico sostituzione stufa o caldaia: cosa sapere

Martedì 19 Luglio 2022
9
0

Per sostituire una vecchia stufa o caldaia con un generatore di calore di nuova generazione ad alta efficienza energetica è possibile usufruire del Conto termico, un incentivo che copre al massimo il 65% delle spese sostenute per l’acquisto e installazione del nuovo impianto a biomassa: il contributo varia in base al generatore di calore e alla fascia climatica in cui si trova l’immobile oggetto dell’intervento. Scopriamo di più su questo bonus e su come accedervi.

 

Incentivo Conto termico 2.0: come funziona e in cosa consiste

Il cosiddetto Conto termico 2.0 è un incentivo statale istituito dal Ministero dell’Economia per migliorare l’efficienza energetica degli edifici e incrementare la produzione di energia da fonti rinnovabili. I soggetti che possono richiedere gli incentivi sono:

 

  • i privati, per interventi di efficientamento energetico di case e condomini;
  • le imprese, per interventi riguardanti uffici, capannoni e edifici industriali;
  • le pubbliche amministrazioni, per migliorare l’isolamento e le prestazioni degli edifici pubblici.

 

Per i privati e le imprese è possibile usufruire degli incentivi del Conto termico fino al 65% per sostituire i vecchi impianti esistenti con:

 

  • l’installazione di impianti di riscaldamento dotati di pompe di calore elettriche o a gas;
  • l’installazione di caldaie e stufe a biomassa, come legna o pellet;
  • l’installazione di impianti solari termici a integrazione dell’impianto di riscaldamento e la produzione di acqua calda sanitaria;
  • l’installazione di scaldacqua a pompa di calore in sostituzione di uno scaldacqua elettrico;
  • l’installazione di impianti ibridi a pompa di calore per la climatizzazione invernale.

 

Come richiedere il Conto termico per installazione nuovo impianto a energia rinnovabile

Per fare domanda del Conto termico 2.0 per l’acquisto e installazione di un nuovo sistema in sostituzione del vecchio impianto è necessario seguire una apposita procedura online sul sito del Gestore Servizi Energetici (GSE). La pratica dell’incentivo Conto termico deve essere presentata entro 60 giorni dalla fine dei lavori e deve contenere la documentazione tecnica richiesta: per questo motivo è consigliabile rivolgersi ai tecnici specializzati che effettueranno l’intervento per ottenere tutte le informazioni e le certificazioni necessarie.

 

Sostituire stufa o caldaia con il Conto termico 2.0

Tra le varie applicazioni di questo provvedimento c’è anche l’intervento di sostituzione del vecchio sistema di riscaldamento domestico con un nuovo impianto alimentato a fonti rinnovabili.

 

Concretamente, è possibile usufruire del Conto termico 2.0 per rottamare la vecchia stufa di casa e sostituirla con una nuova stufa a pellet, una stufa a legna o un termocamino, oppure per eliminare la vecchia caldaia e installare una caldaia di nuova generazione: impianti a biomassa in grado di garantire minori emissioni inquinanti in atmosfera e maggiore rendimento energetico in ottica di sostenibilità. L’incentivo Conto termico si applica alle spese di acquisto della nuova stufa o caldaia, installazione compresa, fino a un massimo del 65% della cifra complessiva. Per calcolare il rimborso a cui si ha diritto con il Conto termico 2.0 entrano in gioco diverse variabili, tra cui la zona climatica del comune di installazione (in modo che il bonus è maggiore dove fa più freddo), la potenza del nuovo generatore di calore e le emissioni prodotte.

 

Ovviamente la nuova stufa o caldaia in sostituzione di quella vecchia dovrà rispondere ai requisiti di rendimento previsti dalla normativa e dovrà essere installata dopo lo smantellamento di un impianto già esistente ma non efficiente dal punto di vista energetico: il vecchio impianto da sostituire deve essere alimentato a gasolio, a carbone, a legna, a pellet o a olio combustibile, non a metano o a gpl.

 

L’erogazione del contributo diretto per l’acquisto e installazione della stufa copre anche le spese sostenute per la sistemazione della canna fumaria, la posa in opera del nuovo apparecchio, lo smontaggio del vecchio impianto e le eventuali opere edilizie necessarie per l’installazione. Se inferiore ai 5000 euro, l’incentivo del Conto termico viene versato direttamente su conto corrente mediante bonifico, entro 2 mesi dall’accettazione della domanda.

 

Incentivi Conto termico in provincia di Sondrio

Idraulica Menatti è a disposizione di tutti coloro che desiderano usufruire degli incentivi del Conto termico per acquistare e installare una nuova caldaia o stufa a pellet o a legna, offrendo la propria consulenza anche per seguire l’iter burocratico per presentare la domanda e ottenere il rimborso spese.

 

Contattaci per sostituire la tua vecchia stufa, caldaia o generatore con il Conto termico

 

sostituzione vecchia stufa con nuova stufa a biomassa con incentivi conto termico
Condividi la notizia
ti potrebbe interessare anche
La Legge di Bilancio 2020 ha prorogato anche per l’anno in corso le agevolazioni fiscali per il risparmio energetico: si tratta del Bonus Casa, che ...
Cos'è il conto termico?   Una agevolazione che incentiva gli interventi di efficienza energetica e la produzione di energia termica da fonti r...
Cos'è la detrazione fiscale del 65%? E' anche detta detrazione fiscale sul risparmio energetico e consiste in una riduzione dell'imposta IRPEF (Im...
Nessun commento
Lascia un commento
This site is protected by reCAPTCHA and the Google Privacy Policy and Terms of Service apply.
Invia commento
I campi contrassegnati da * sono obbligatori